back to Project management
back to DITELO

Progetto: DITELO (DIalogo su TELefonO)

Consuntivo per l'anno 1998 - marzo 1999

Responsabile: Roberto Gretter

1. Introduzione

Durante il 1998 ci si proponeva principalmente di integrare funzionalità di dialogo, per accesso ad informazioni in domini limitati, nella tecnologia di riconoscimento vocale su linea telefonica sviluppata negli anni precedenti; un altro obiettivo riguardava il miglioramento della tecnologia di riconoscimento. L'esperienza degli anni scorsi, la messa in campo di alcuni servizi (Italy Direct-170 per Telecom Italia, centralino automatico per Caritro) e l'analisi dello stato dell'arte avevano infatti suggerito di concentrare gli sforzi verso la realizzazione di un primo prototipo di dialogo ad iniziativa mista. La motivazione principale di una tale scelta risiedeva nel fatto che nei sistemi attuali, basati essenzialmente su menu vocali, l'utente è costretto a seguire la struttura ad albero (o a grafo) che il progettista del servizio ha costruito, il che può rendere l'interazione frustrante e inefficace. Nei sistemi di dialogo ad iniziativa mista, invece, un potenziale utente viene comunque guidato dal sistema, ma ha in ogni momento la possibilità di assumere il controllo e di fornire tutte le informazioni che ritiene utili al raggiungimento dei suoi obiettivi.

Nel corso dell'anno è stata sviluppata una tecnologia di dialogo che ha permesso l'implementazione e la messa in prova di due prototipi: un centralino automatico interno ed un sistema di accesso ad informazioni ferroviarie. I dati raccolti durante tali sperimentazioni, sommati a quelli raccolti in Caritro (centralino automatico installato in dicembre 1997 e stabile da marzo 1998), hanno permesso di migliorare - e misurare - le prestazioni del riconoscitore acustico.

Nel corso dell'anno sono inoltre partite due commesse: la prima, finanziata da Vox-Atlantis, avente lo scopo di integrare la tecnologia di dialogo in un sistema per la costruzione di applicazioni di Call Center; la seconda, finanziata dalla Fondazione Caritro, avente lo scopo di testare l'integrazione di tecnologie di punta in un prototipo di accesso ad informazioni in ambito turistico.

2. Tasks e milestones

3. Sistemi software/hardware prodotti/realizzati

In aprile è stata installata la versione definitiva del centralino automatico in Caritro. Tale sistema integra il riconoscitore Irst nell'ambiente InfoVox di Alceo. Tra settembre e novembre sono stati implementati e messi in prova centralino automatico e prototipo di accesso ad informazioni ferroviarie facenti uso del motore di dialogo sviluppato durante l'anno.

4. Collaborazioni (esterne/interne)

Il primo settembre è iniziato il progetto finanziato da Vox avente l'obiettivo di realizzare due sistemi prototipali, utilizzanti tecnologie vocali innovative, per la realizzazione di applicazioni nei settori automotive e call-center. Per quanto riguarda il filone call-center, l'applicazione si riferisce all'interazione fra un utente che chiama da un apparecchio telefonico ed un sistema di dialogo operante in un call center. Tale progetto avrà la durata di 18 mesi e porterà ad un finanziamento di 93.750000 Lit nel 1998, di 150.000000 Lit nel 1999 e di 131.250000 Lit nel 2000, IVA compresa.

Il 10 settembre è iniziato il progetto ATP (Assistente Turistico Personale), interdivisionale e in collaborazione con l'Università di Trento, finanziato da Fondazione Caritro (200 milioni per la parte relativa all'interazione vocale via telefono nel 1998), per lo sviluppo di un prototipo di accesso ad informazioni in campo turistico.

È stato realizzato uno studio su call-center per l'APT del Trentino, che ha portato alla fatturazione di 11.400000 Lit IVA compresa.